Il vicino – Quarta parte

Bologna, giugno 1994

Arrivò il periodo degli esami di maturità e passai un periodo ovviamente impegnativo. Fui fortunata, perché mi misero l’orale dopo poco più di una settimana dagli scritti, così mi liberai molto presto. Come sempre ero stata brava e avevo fatto un buon esame. Ora avevo almeno due settimane di tempo per farmi i fatti miei, prima che finissero anche i miei compagni di classe e fosse il momento di festeggiare. L’impegno che avevo profuso nello studio mi aveva distrutto e passai qualche giorno senza fare nulla, trascinandomi dal letto al divano e viceversa. (altro…)

Come ai bei tempi

Località imprecisata dell’Appennino Emiliano – Marzo 1994

Alla fine avevo passato il capodanno senza Alberto. Certo il me l’ero spassata ugualmente, Marco si era dato da fare bene per farmi festeggiare, ma, nonostante questo, Alberto rimaneva al centro dei miei sogni. Verso marzo vidi Marco per caso e mi disse che aveva finalmente preso la patente (io avevo compiuto 18 anni a febbraio, quindi avrei dovuto aspettare almeno altri 3-4 mesi…) e che i suoi gli avevano comprato una macchina, usata, ma pur sempre una macchina tutta sua. Poi la cosa finì lì. Come forse ricorderete, io e Marco avevamo la casa in campagna, in un paese dell’Appennino, che si affacciavano sullo stesso cortile e ci conoscevamo da molti anni. Un venerdì sera, qualche tempo dopo, Marco mi chiamò e mi disse al telefono che gli sarebbe piaciuto organizzare un sabato sera come ai vecchi tempi… Sai, io, te e Alberto… Fui colta da una improvvisa vampata. Un’intera serata io e loro due. Non riuscivo a crederci. Finalmente li avrei avuti entrambi per me come l’estate precedente. Dissi che sicuramente ci sarei stata e fissammo l’appuntamento per la sera dopo. Ero agitatissima. Corsi in camera mia, mi chiusi dentro e iniziai a masturbarmi selvaggiamente al solo pensiero di cosa avrei combinato l’indomani. (altro…)

Capodanno di una diciottenne

Bologna, 31 dicembre 1993

Dopo aver incontrato Alberto quella sera di fine novembre a casa mia (vedi “Alberto – Parte prima”) arrivarono le feste di fine anno. Non avevo ancora 18 anni (li avrei compiuti a febbraio), ma pensavo che avrei dovuto divertirmi quella sera. Cercai disperatamente di organizzare qualcosa in cui fosse coinvolto anche lui, ma mi andò male, perché andò in montagna con gli amici e io rimasi fregata. (altro…)

Come iniziò tutto – Prima parte

Località imprecisata dell’Appennino Emiliano – Luglio 1993

Questo è l’inizio della mia storia o, come direbbe qualcuno, il momento della perdita dell’innocenza; il giorno in cui iniziò la mia trasformazione, da una ragazzina come tutte le altre, nella donna che sono diventata. Se avrete la pazienza di leggere tutto capirete di cosa parlo. Avevo all’epoca 17 anni e passavo quasi tutte le vacanze estive in un paese dell’Appennino. (altro…)