La schiava

Milano, luglio 2003 Sono tornata a casa, dopo l’incontro a casa di Giacomo (“Ci sono cascata di nuovo”), mi sono infilata di soppiatto in bagno senza svegliare le mie coinquiline. Come sempre esco da casa sua perfettamente in ordine e profumata, grazie alle attenzioni che mi riserva dopo aver fatto sesso. Mi sono Leggi tutto…

Ci sono cascata di nuovo

Milano, luglio 2003

Il primo incontro con Giacomo (ora so che è il suo vero nome) mi ha lasciata devastata nel corpo e nell’anima. Il mio corpo ha portato per giorni i segni dei suoi abusi. Non che la cosa non fosse voluta, anzi. Avrei potuto fermarmi quando volevo, ora lo conosco e so che se avessi usato la safe word avrebbe interrotto il gioco immediatamente, ma la mia mente perversa voleva che lui continuasse a farmi male e ad abusare del mio corpo e la cosa mi ha fatto godere come non mai. (altro…)

L’iniziazione – Seconda parte

Milano, giugno 2003

Mi ha finalmente liberata da tutto, ma non sono libera. O meglio il mio corpo lo è, ma non la mia mente. Aspetto che il mio padrone (è giusto che lo chiami così, perché lo è in questo momento) mi dica cosa devo fare. La mia volontà non esiste più, lui ha preso possesso della mia mente e adesso sono un giocattolo nelle sue mani. La mia mente ha smesso di pensare razionalmente a quello che sto facendo, o meglio a a quello che lui mi sta facendo. Una bambola di pezza…

(altro…)

L’iniziazione – Prima parte

Milano, giugno 2003

Interno. Giorno, notte… Non lo so…
La stanza è senza finestre… Non ricordo molto di ieri sera. Lui, Giacomo (mi ha detto di chiamarsi così, ma adesso non so se sia vero) la musica, una scopata divertente ma tutto sommato “normale”. Adesso la situazione però è cambiata… Ho appena aperto gli occhi e sento un forte dolore alle braccia e alle caviglie, oltre ad essere intontita… (altro…)

L’iniziazione – Prologo

Milano, giugno 2003

Sono a Milano da 9 mesi ormai. Anche se vengo da una regione dove il lavoro non manca, dopo la laurea ho deciso di tentare l’avventura e sono venuta qua, chiamata da una grande azienda. Mi sento un po’ una provincialotta in questa grande metropoli e forse lo sono… Ho trovato una stanza in un appartamento di studentesse, mi va bene, in fondo io ero come loro ancora un anno fa. Il posto mi piace, per me molte cose sono nuove, non sono abituata a stare fuori di casa (ho fatto l’università nella stessa città in cui ho sempre vissuto), non sono abituata ai ritmi milanesi, alle abitudini di questa città, però mi ci sto trovando bene. In fondo cosa voglio di più? Ho 27 anni, ho un bel lavoro, considerato che sono una neolaureata, prendo un buono stipendio e ho tutte le occasioni di divertimento che voglio. (altro…)